Oleolito di Iperico

Iperico – Hypericum perforatum L.

L’oleolito o, meno propriamente, “olio” di iperico è prodotto per macerazione, a caldo (metodo più veloce) o a freddo, delle sommità fiorite della pianta di iperico (Hypericum perforatum L.) in un olio opportuno (es., oliva, girasole, …). Il metodo tradizionale prevede che la macerazione duri 40 giorni e che venga effettuata rigorosamente a freddo, disponendo la droga e l’olio in un barattolo di vetro che deve essere necessariamente esposto al sole affinché il preparato possa acquisire il caratteristico colore rosso rubino. L’esposizione al sole può durare per tutto il periodo della preparazione dell’oleolito oppure finché l’olio non diventa rosso.

L’oleolito del commercio è preparato solitamente con metodi diversi da quello tradizionale, come si può facilmente evincere dalla differente colorazione dell’olio (è rossastro piuttosto che rosso rubino intenso).

È dotato di una buona azione cicatrizzante ed è utilissimo in caso di ustioni, scottature solari, ferite e piaghe da decubito. È anche utile nel caso specifico di traumi o ferite in zone riccamente innervate (es., dita delle mani e dei piedi) oppure quando il dolore del trauma o della ferita sembra estendersi dalla parte lesa ad un’altra parte del corpo, secondo un percorso più o meno lineare (es., dalla mano “sale” lungo il braccio). È fortemente attivo sui trami e sulle infiammazioni del tessuto nervoso, per cui risulta utile in caso di nevralgie (es., sciatalgia).

Si adopera per uso esterno.

Condividi - Share this...
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *