Latte struccante (viso o contorno occhi)

I prodotti per l’eliminazione del trucco che si trovano in commercio hanno il grosso vantaggio di essere già pronti all’uso: basta acquistarli e… usarli! Purtroppo, però, tali prodotti solitamente sono realizzati (almeno in buona parte) con sostanze chimiche sintetiche che, se da una parte garantiscono dei vantaggi (come basso costo di produzione, perfetto controllo delle caratteristiche quali texture, playing time, presenza o assenza di “scia bianca”, colore, tenuta, ecc.), dall’altra parte non sono completamente salutari per la nostra pelle.

E in più, spesso, il prodotto che compriamo non ha le caratteristiche che ci aspettiamo: quanti prodotti detergenti per il contorno occhi, ad esempio, seccano la pelle (acque micellari in primis!) e/o irritano gli occhi?

Allora ecco che preparare il latte detergente in casa può essere una sana, economicissima e – perché no? – divertente soluzione alternativa. Pur non avendo io necessità di un tale prodotto (eh beh, gli uomini che si truccano pare siano piuttosto rari… ), ho provato a preparare un latte detergente molto semplice e sembra che il risultato sia davvero positivo: strucca bene (dicono!) e lascia la pelle ben idratata. Va risciacquato, altrimenti la pelle può risultare un po’ unta (ma d’altra parte il latte detergente è un prodotto che va risciacquato!).

Vediamo il procedimento. Per prima cosa ho diluito la lecitina in olio di girasole a caldo per renderla più facilmente miscibile in fase grassa.

Lecitina diluita

Ingredienti:

  • 60g lecitina di soia granulare
  • 40g olio di girasole (di grado alimentare)

Procedimento:

E’ semplicissimo. Bisogna riscaldare a bagno maria l’olio e aggiungere la lecitina un po’ alla volta, mescolando ogni tanto con un cucchiaio. Sin dall’inizio bisogna usare un termometro perché bisogna stare attenti a non superare mai i 65-70°C!

Dopo circa 45 minuti, si spegne la fiamma e si frulla il tutto con un minipimer, cercando di far sciogliere al meglio la lecitina. Si filtra quando è ancora caldo con un colino a maglie strette (per evitare che rimangano grumi) e si versa in un barattolo di vetro. Una volta raffreddato, si chiude il barattolo. Si conserva per diversi mesi (dato che non contiene acqua) in un luogo fresco e asciutto (NON in frigo!).

Lecitina diluita

Vediamo ora la ricetta del latte detergente, realizzato mediante emulsificazione (o emulsione) a freddo.

Latte detergente

Ingredienti (per 100g di prodotto):

Fase A:
Acqua distillata q.b. a 100g (cioè circa 61,4g)
Gomma xantana 0,5g
Glicerina 5g

Fase B:
Olio di girasole 19g
Oleolito di vaniglia 1g
Lecitina diluita 12g – corrisponde circa a 7g di lecitina granulare

Fase C:
Tocoferolo (vit. E) 0,5g
Conservante (Cosgard  di AromaZone) 0,6g

Procedimento:

  • Far bollire l’acqua e poi aspettare che si raffreddi fino a temperatura ambiente (non è strettamente necessario bollire l’acqua, ma io preferisco farlo).
  • In un recipiente di vetro ben pulito (io ho usato un beaker graduato di vetro Pirex), preparare il gel di gomma xantana: pesare prima la glicerina, aggiungere la gomma xantana disperdendola bene nella glicerina con un cucchiaio e in seguito aggiungere l’acqua a poco a poco, mescolando di continuo fino alla formazione del gel. 
  • In un altro recipiente di vetro (altro beaker) mescolare la lecitina diluita con l’olio di girasole e l’oleolito di vaniglia, mescolando bene in modo da amalgamare il tutto.
  • Versare la fase A nella fase B mescolando molto bene prima con un cucchiaio e poi con un minipimer fino a che si forma l’emulsione (la crema diventa chiara).
  • Aggiungere il tocoferolo e mescolare.
  • Aggiungere il conservante, mescolare bene e misurare il pH, eventualmente aggiustandolo con acido lattico o citrico (per abbassare il pH) oppure con soda caustica o bicarbonato di sodio (per innalzare il pH). Per la zona perioculare il pH deve essere pari a 6,5, altrimenti possiamo scendere fino a pH 5,5 (il conservante cosgard funziona meglio a pH acidi, cioè inferiori a 7).
  • Confezionare il prodotto.
L’emulsione pronta

Il prodotto è una un’emulsione O/A abbastanza stabile e molto fluida di color beige chiaro. Pulisce la pelle in maniera delicata ma efficace eliminando anche il trucco più tenace. L’odore è tenue, visto che non ci sono olii essenziali.

Modo d’uso: va applicato con un dischetto di cotone inumidito con acqua tiepida e poi strizzato, su tutto il viso, occhi e labbra compresi. Si risciacqua poi  con acqua tiepida e si applica una lozione tonica picchiettando.

 

Note

La ricetta prevede l’uso di 12g di lecitina diluita, che contiene circa 7g di lecitina pura e circa 5 g di olio di girasole. Per tale motivo, il contenuto complessivo di olio nella ricetta è di circa 25g (compreso l’oleolito di vaniglia).

La quantità e il tipo di di grassi possono essere modificati a seconda del tipo di prodotto che si vuole ottenere: per un latte detergente contorno occhi è bene usare un 25-27% di olii delicati (es., girasole, mandorle dolci, riso); se si vuole realizzare un prodotto per il viso possono essere usati anche grassi un po’ più pesanti. Conviene usare una percentuale di olii entro il range 25-35%.

 

Oli essenziali e fragranze

La lecitina tende a mantenere un odore un po’ forte (anche se a percentuali così basse si sente poco), per cui potrebbe essere utile cercare di “coprirlo” con qualche ingrediente profumato. L’oleolito di vaniglia usato in questa ricetta permette di ottenere un prodotto con una profumazione tenue ma gradevole. Certamente può essere omesso oppure se ne può aumentare la quantità, tenendo conto che è un ingrediente che tipicamente non irrita.

Chiaramente possono essere usati anche olii essenziali o fragranze. Se il latte detergente deve essere usato sulla zona perioculare è importante usare una fragranza ipoallergenica che non bruci gli occhi in quantità adeguata (10gtt per 100g di prodotto finito, al massimo). Gli olii essenziali e le fragranze vanno aggiunti insieme agli altri ingredienti della fase C.

Condividi - Share this...
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *